Terremoto Centro Italia 2016

Croce Rossa Italiana è intervenuta nei luoghi colpiti sin dai primissimi momenti, impiegando -solo nella fase di emergenza successiva al primo evento sismico del 24 agosto- oltre 450 volontari e 90 mezzi, squadre di soccorso (SMTS), personale medico, unità cinofile e attivando tutte le sue sale operative. Numeri destinati a crescere se si prende in considerazione l’intervento CRI per tutta l’emergenza nel Centro Italia in cui sono stati oltre 5.000 i volontari e gli operatori intervenuti, più di 2000 i veicoli utilizzati tra ambulanze, furgoni, fuoristrada, motoslitte e autocarri, 145.000 i pasti distribuiti e migliaia le persone assistite. 

Una presenza costante anche dopo la fine della prima fase dell’emergenza. Interventi medici di primo soccorso e avanzati, sostegno psicologico, animazione per bambini, distribuzione di pasti e generi di conforto, oltre al coordinamento logistico per lo stoccaggio e l’invio degli aiuti, sono solo alcune delle attività svolte dai volontari e dagli operatori CRI nei campi di accoglienza per le persone colpite dal sisma. Un lavoro, che in coordinamento con la Protezione Civile, sta andando avanti guardando alla necessaria ricostruzione. 

A ottobre 2016 è stata creata l’Unità di Progetto Sisma Centro Italia proprio per seguire ancora più da vicino il lavoro di sostegno alle popolazioni colpite. Non solo assistenza materiale e psicologica ma anche interventi immediati diricostruzione, frutto di dialogo e confronto con il territorio e le Istituzioni locali e nazionali. In collaborazione con le aziende sanitarie regionali, ad esempio, sono stati consegnati oltre 40 moduli sanitari che hanno permesso di riattivare i servizi ambulatoriali di base e di realizzare veri e propri presidi sanitari in grado di sostituire temporaneamente gli ospedali danneggiati dal sisma, come a Cascia e Norcia

In AbruzzoMarche Umbria sono stati offerti aiuti materiali agli allevatori in difficoltà per far ripartire le loro attività. Inoltre, sono stati attivati percorsi specifici affinché la popolazione possa disporre di tutti gli strumenti per rispondere, in futuro, con efficacia a un evento sismico: come il progetto CRI SUMMER CAMP che dà la possibilità a 110 giovani e bambini tra gli 8 e i 20 anni dei Comuni del Cratere sismico, di passare una settimana in uno dei campi estivi attivati dai Comitati Croce Rossa in cui vivere momenti di svago e relax, alternati a formazione specifica sulle emergenze e a percorsi di superamento dello shock vissuto. 

Si stanno poi progettando, su tutte le quattro Regioni colpite dal sisma, oltre 10 strutture che possano creare le condizioni per la rinascita del territorio a medio e lungo termine. Si tratta di poli di aggregazione sociale, capaci di trasformarsi in centri di emergenza in caso di futura necessità. Strutture permanenti che saranno realizzate con tecnologie innovative, perfettamente integrate con i progetti portati avanti da altre realtà.

Ad Amatrice nascerà un nuovo Centro Polifunzionale, che racchiuderà al suo interno una sala teatro, un Auditorium, una biblioteca, una sala espositiva e un presidio socio-sanitario di Croce Rossa Italiana, a Camerino un centro socio-sanitario per anziani, a Isola del Gran Sasso una scuola primaria (Musp), a Force un centro per disabili, a Muccia un Centro Polifunzionale Giovanile, così come strutture polifunzionali di diversa natura, verranno realizzate a Norcia, Spoleto, Arquata, Comunanza, Visso e Valfornace.

Per Donare

Per sostenere le popolazioni colpite dal devastante terremoto del 24 agosto e del 30 ottobre è possibile utilizzare il conto corrente attivato da Poste Italiane e Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:

IBAN: IT38R0760103000000000900050
BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana
Causale: "Poste Italiane con Croce Rossa Italiana - Terremoto Centro Italia"
 
oppure utilizzare il conto corrente della Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:
 
IBAN: IT40F0623003204000030631681
BIC/SWIFT: CRPPIT2P086
Beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana
Causale: "Terremoto Centro Italia"

La donazione sarà utilizzata da Croce Rossa Italiana per attività di breve e di lungo termine.

Informazioni e contatti:
email: aiuti@cri.it - Telefono: 06-5510
 
 
€. 20.567.062,68 raccolti al 7 giugno 2017

 


Cosa ha fatto Croce Rossa durante l’emergenza terremoto?

Sin dai momenti immediatamente successivi al sisma del 24 agosto, CRI ha messo in campo un imponente dispiegamento di mezzi e risorse:

  • Oltre 4200 tra volontari e operatori, di cui 800 per prestazioni di carattere socio-sanitario
  • Squadre di soccorso
  • Unità cinofile
  • 1500 veicoli utilizzati tra ambulanze, furgoni, fuoristrada e autocarri
  • Soccorsi con mezzi e tecniche speciali (SMTS)

Nei campi di Amatrice, Pretare, Roccasalli e Grisciano (frazioni di Accumoli) Croce Rossa ha svolto numerose funzioni:

  • Supporto logistico
  • Distribuzione di generi di conforto
  • Monitoraggio e censimento della popolazione
  • Supporto Emergenza Psicologica per la popolazione e gli operatori
  • Animazione per bambini
  • Prestazioni mediche

Oltre 33000 i pasti preparati nelle cucine da campo e distribuiti.
A Grisciano, grazie allo spirito di iniziativa dei volontari, è nata la ludoteca “L’Angolo di Henry”.

Per la prima volta, nella Sala Operativa Nazionale della Croce Rossa è stata allestita la postazione Restoring Family Links (RFS), nella quale sono stati verificati centinaia di dati e identità per favorire il ricongiungimento dei dispersi con i familiari.

Nel Comitato della Croce Rossa di Rieti, inoltre, è rimasto attivo per diversi giorni uno sportello informativo per le donazioni e un solido supporto logistico per operatori e volontari in transito.

E domani? – Croce Rossa ci sarà sempre. I fondi raccolti fino a questo momento superano i 10 milioni di euro e saranno impiegati in progetti permanenti, che verranno ideati e condotti all’insegna della trasparenza, partecipazione e unità di intenti con i comuni colpiti e le popolazioni. A questo scopo, Croce Rossa Italiana ha istituito un Comitato Etico con la funzione di garantire la linearità di ogni processo di utilizzo delle donazioni ricevute.

 

> Guarda tutti i video

> Guarda le foto