Lunedì, 23 Gennaio 2017 22:16

Hotel Rigopiano; Gabriele, volontario di Croce Rossa, tra le vittime della slavina

 

“Abbiamo sperato fino all’ultimo che potesse arrivare una buona notizia che purtroppo non però non è arrivata. Gabriele, volontario della Croce Rossa di Penne, è tra le vittime della slavina che ha colpito l’hotel Rigopiano dove lui lavorava. A nome del Consiglio direttivo nazionale, del Segretario generale e del Presidente del comitato regionale dell’Abruzzo, voglio porgere le condoglianze di tutta la Croce Rossa Italiana alla famiglia, ai suoi cari e ai suoi amici, stringendoci al Comitato di Penne e ai suoi volontari”, ha dichiarato il Presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca.

“Gabriele D'Angelo aveva 31 anni. Umile e altruista, si rendeva disponibile sempre per tutto, lo spirito di umanità lo contraddistingueva. Ha ricevuto la benemerenza per gli aiuti che ha dato ad aprile e ad agosto 2009 durante l'emergenza terremoto dell'aquila, volontario dal 2003. Non gli piaceva apparire, non ha mai ricoperto cariche, ma era sempre in prima linea in tutti i progetti”, ha raccontato il Presidente della Croce Rossa di Penne, Gianni Taucci.

Anche Croce Rossa Parma tutta si stringe alla famiglia, ai suoi cari e ai suoi amici, al Comitato di Penne e ai suoi volontari.

Ciao Gabriele!
A Gabriele la solidarietà di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
“Siamo sconvolti dalla notizia che uno dei vostri volontari, Gabriele D’Angelo, è tra le vittime della slavina all’Hotel Rigopiano. Vogliamo esprimere le nostre condoglianze alla famiglia di Gabriele D’Angelo e ai volontari e operatori della Croce Rossa Italiana”, con queste parole scritte il Presidente e il Segretario Generale della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC), rispettivamente Tadateru Konoe e Elhadj As Sy, hanno voluto esprimere la vicinanza di tutte le Consorelle per il grave lutto che ha colpito la Croce Rossa Italiana (CRI).

In una lettera al Presidente Nazionale di CRI, Francesco Rocca, i due rappresentanti della IFRC hanno anche voluto esprimere le proprie condoglianze al popolo italiano per quanto avvenuto dopo l’ultimo terremoto che ha colpito l’Italia centrale e dopo la conseguente slavina in Abruzzo.
“Ancora una volta – hanno scritto – la Croce Rossa Italiana ha risposto immediatamente ed efficacemente alla chiamata dei soccorsi. Vogliamo esprimere la nostra riconoscenza e ammirazione per il lavoro fatto anche in condizioni così difficili. La dedizione dei vostri team continua a essere un esempio per tutti noi”.