Lunedì, 29 Aprile 2024 16:42

«ÉTAPE PARMA»: CROCE ROSSA HA DATO IL SUO PREZIOSO CONTRIBUTO

Scritto da Nicolò Bertolini

«Non poteva esordire meglio di così, in Italia, il Tour de France. Perché la granfondo amatoriale «L’Étape Parma» ha conquistato tutti gli oltre duemila partecipanti, concordi nei complimenti ad un evento che li ha fatti sentire – per un giorno - come i professionisti del Tour, quello vero!». Parole d’attacco della Gazzetta di Parma sul suo sito ma parole anche dei tantissimi volontari (oltre 40) che hanno assistito entusiasti alla manifestazione dove la due ruote è stata la vera protagonista.

Selfie, sorrisi e tanta professionalità
Sono “scappati” alcuni selfie e qualche foto alle tantissime biciclette al personale dalla giacca rossa, ma c’era tanta, tanta professionalità negli oltre 40 volontari di 7 comitati CRI che in data domenica 28 aprile hanno assistito al grande evento per cui si è mobilitata tutta la Provincia. Soccorritori esperti e con esperienza, preparati a qualsiasi tipo di situazione erano schiarati su tutti i percorsi ciclistici vissuti dai tantissimi partecipanti: oltre 2000. I percorsi erano due; il primo di circa 140 km con un dislivello di 2800 metri, mentre il secondo era di “soli” 71 km con un dislivello di 909 metri. Aggiungiamo un numero fortunato: 2. Solo due, infatti, gli interventi dei numerosi mezzi di soccorso impegnati nella manifestazione.

I numeri magici dell’evento
8 ambulanze CRI impegnate sul percorso di gara, 4 ambulanze CRI di supporto sulla parte appenninica, 2 automediche CRI disponibili con 4 medici d'emergenza, 8 infermieri disponibili tra mezzi e PMA (Posto Medico Avanzato) allestito all'alba dai volontari del gruppo Operazioni Emergenza CRI al Parco Ducale, punto cruciale dell’evento. Sul campo, come già detto, oltre 40 volontari. Grandissima operazione realizzata anche con il supporto dei Comitati di Medesano, Pontetaro, Berceto, Monchio, Palanzano, Scurano e Tizzano, questi ultimi prevalentemente sulle postazioni della montagna.

Le voci sul campo
«È stata un’esperienza unica nel suo genere e particolarmente bella. É stato un bellissimo lavoro di squadra che ha coinvolto volontari di tutta la Provincia, sia per supporto logistico che sanitario»: sono queste le parole di Chiara Malpeli, che oltre che ad essere Consigliera ha parlato a nome dei tantissimi amici con cui è scesa in campo. «Un ringraziamento speciale a tutti i preziosi volontari che hanno dedicato il loro tempo a questa magnifica manifestazione – ha dichiarato Giuseppe Zammarchi Presidente CRI ParmaIl lavoro ben coordinato tra i diversi comitati ha garantito la sicurezza dei tanti appassionati di ciclismo e ci ha permesso di dimostrare che la Cri è pronta anche ad eventi di grosse dimensioni, che vengono affrontati serenamente dai tanti volontari disponibili. Serenità contagiosa verso chi assistiamo»

cri

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, gestire le donazioni PayPal, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.
Informazioni Privacy Sito Accetta Rifiuta